domenica 19 ottobre 2014

Trasferta insidiosa per la Vecchia


ECCELLENZA. Nerazzurri alle 11 di scena sul rettangolo del Crecas Città di Palombara. Mister Ottavio Insogna: «Voglio che la squadra esca nella seconda frazione di gioco e riesca a rimanere in partita fino alla fine. Poi, dobbiamo essere bravi a creare episodi a nostro favore e sfruttargli al meglio». Ancora fuori Ruggiero, riprendono il loro posto in mezzo al campo capitan Elisei e Giambi.

di Alessio Altieri.

La sconfitta di domenica è stata smaltita mercoledì, con la vittoria di misura in Coppa contro il Fregene, ora il Civitavecchia, nella settima d’Eccellenza che giocherà domani alle 11 in casa del Crecas Città di Palombara, deve dimostrare di aver incassato ma anche imparato qualcosa dal ciclo terribile composto da Almas-Villanova-Acquapendente (un punto in tre partite).

Per farlo, il mister chiede ai suoi essenzialmente una cosa: scendere in campo dal primo minuto e mantenere l’attenzione al massimo per tutti i 90’, qualsiasi cosa accada, sfortunata o meno.

Certo, la partita si presenta di non facilissima lettura, perché il Crecas sta recitando in queste prime giornate il ruolo di matricola tremenda, sconfitta per la prima volta solo nello scorso turno di campionato dal Trastevere.

Con nove punti (uno in più dei nerazzurri) i neopromossi sembrano non accusare lo scotto del passaggio in una serie superiore e anzi hanno palesato da subito grande sicurezza, uscendo imbattuti da partite non semplici (il Civitavecchia lo sa bene) contro Villanova e Acquapendente.

Dal canto suo però, mister Insogna si può dire soddisfatto del lavoro svolto in settimana dalla squadra e della reazione dei suoi ragazzi in Coppa, dove la vittoria è arrivata grazie ad una tenuta mentale sempre salda e soprattutto ad una evidente (rispetto agli altri match) crescita nel secondo tempo.

«È quello - ha dichiarato il mister - che cerchiamo di ottenere, io voglio che le mie squadre sappiano uscire nelle seconde frazioni, che rimangano in partita fino all’ultimo. Certo, in questo momento non è facilissimo riuscirci, perché il caldo ci impedisce di passare ad una fase successiva di preparazione, a queste temperature e con questi tassi di umidità è complicato proporre intensità per tutta la partita, ma ci stiamo provando e poi, come ho già detto molte volte, non siamo che al 30-40% ancora».

Dal punto di vista climatico certamente Insogna non troverà una situazione migliorata oggi, visto che le temperature previste sono ancora praticamente estive, quello in cui il mister può però confidare, è una ritrovata “cattiveria”.

«Sono sicuro - ha continuato il tecnico - che l’unica differenza rispetto alle partite di campionato che non sono andate bene e quella per esempio in Coppa che abbiamo vinto, sia stata semplicemente la fortuna in certi episodi. Certo, noi dobbiamo essere bravi a crearceli e a sfruttarli gli episodi, ma io, anche quando abbiamo perso, non ho visto una squadra svogliata o molle in campo, ho visto, quello sì, un gruppo che a tratti è calato mentalmente dopo alcune situazioni particolari, ma non posso imputare altro ai miei ragazzi».

Per quanto riguarda la formazione, con Ruggiero che ancora non è stato convocato, capitan Elisei, dopo la panchina di Coppa, è pronto a riprendersi il suo posto, così come Giambi.

I segnali che arrivano dallo staff tecnico e dalla squadra tutta sembrano positivi e ottimistici, vincendo la partita di oggi, i nerazzurri avrebbero la possibilità di dimostrare che effettivamente quei tre match storti hanno rappresentato solo una parentesi. (fonte Civonline)

0 commenti:

Posta un commento

 

Sito ufficiale

News dalla Città

Ultimi 5 commenti

Meteo